DESCRIZIONE LIBRO

Codice: 23195

Titolo: Maremàje

Autore: Anita Piscazzi

Collana: ZETA GREEN

Codice ISBN: 88-456-1320-3

Pagine: 80

Prezzo: € 10 Acquista
Descrizione:
qui ti senti così
un vitello dopo la prima mazzata
un pallino nell’ala
una scatola vuota nelle mani
fulmine nella malora.

Anita Piscazzi classe 1973, nasce ad Acquaviva delle Fonti nelle Puglie. Ama la poesia di Mariangela Gualtieri, Pier Paolo Pasolini, Rina Durante, Vittorio Bodini, Silvia Plath, Claudia Ruggeri, le mani di Glenn Gould, le suite per violoncello di Bach e in particolare tutto ciò che è indefinito, perché il finito atrofizza la creatività e il pensiero. Da bambina raccontava a tutti che sarebbe diventata una pianista, crescendo persevera in questa convinzione studiando pianoforte al Conservatorio «Niccolò Piccinni» di Bari, dove nel’96 si diploma e continua a suonare con un violinista formando un duo. La sua tensione e inquietudine interiore in quegli anni si accrescono aprendo un vuoto che ha voluto, senza successo, colmare con gli studi di letteratura all’università laureandosi nel’99 con una tesi in Storia della Musica. È qui che il suo piede scivola nelle profondità della notte orfica, arrivando così al suo esordio poetico nel’99 con una breve raccolta, In lumen splendor (Oceano, Sanremo). Nell’aprile 2006, nell’ambito della rassegna d’arte internazionale «Women in Art», riceve un alto riconoscimento per il valore artistico della sua poesia da Kathryn Hohenstaufen, presidente dell’«Association Femmes d’Europe 1978». Ha iniziato così a partecipare a diversi premi letterari riscuotendo alcuni successi. Ha pubblicato la raccolta di versi Amal (Palomar, Bari 2007) e sue poesie sono presenti in alcune antologie come L’anemone e la luna (La Vallisa, Bari 2000) e Il segreto delle fragole (Lietocolle, Faloppio, 2011) e nel semestrale «incroci» (Adda, Bari, 2012). È dottoranda di ricerca in Progettazione e Valutazione dei processi formativi presso l’Università di Bari dove ha dato alle stampe i saggi La musica in Europa (Cacucci, Bari 2006) e Proposte pedagogiche e metodologiche nella didattica musicale (Cacucci, Bari 2011). È stata recensita da Maurizio Cucchi sull’inserto «Specchio» de «La Stampa» e nella rubrica «Perle di classica» di «Libero». Collabora con la rivista letteraria «La Vallisa» (Besa, Fasano). È caporedattrice della rivista di poesia «Marsia» (Progedit, Bari).
Non ci sono Informazioni Aggiuntive

<<<Ritorna alla pagina precedente